Incontri e iniziative   Mailing list   Forum   Contatti   Link  
Il Centro Regionale Chirotteri non é attualmente operativo per mancanza di finanziamenti.
Per informazioni o necessitá si prega di fare riferimento all'indirizzo e-mail biodiversita@regione.piemonte.it


Pipistrelli in difficoltà (feriti/debilitati/neonati): cosa fare, a chi rivolgersi

Può capitare di trovare pipistrelli feriti o semplicemente debilitati per essere rimasti per giorni intrappolati all'interno di un edificio. All'inizio dell'estate è altresì frequente il rinvenimento di neonati, riconoscibili perché nudi o ricoperti da una pelliccia ancora molto rada.
Informazioni su come soccorrere gli esemplari e a chi rivolgersi cliccando:
http://www.provincia.torino.it/natura/fauna_flora/salviamoli/pippi_feriti

Pipistrelli rinvenuti morti: cosa fare, a chi rivolgersi

Le conoscenze sulla distribuzione delle varie specie di pipistrelli sono ancora lacunose ed è importante che nessun dato venga sprecato. Si raccomanda pertanto a chi trova un pipistrello morto di raccoglierlo, anche se in cattivo stato di conservazione (per la determinazione è sufficiente che sia presente il cranio).
Per la conservazione l'ideale è l'alcool non denaturato, in quantità sufficiente a coprire il reperto, o il freezer, riponendo l'esemplare in un sacchetto. Qualora non fosse possibile ricorrere a tali sistemi di conservazione, si utilizzi l'alcool denaturato (quello rosa), che va considerato una seconda scelta rispetto ai metodi precedenti poiché non consente determinate analisi.
In ogni caso non si dimentichi l'etichetta, con registrati luogo e data di rinvenimento: in assenza di tali dati la segnalazione risulterebbe inutile.
Gli uffici che raccolgono gli esemplari provvedono alla loro determinazione, ad eventuali rilevamenti sanitari (cause di morte, accertamenti epidemiologici) e sono tenuti a destinarli secondo le disposizioni di legge (ad esempio a musei naturalistici). Poiché tutte le nostre specie di chirotteri sono citate nell'allegato D del D.P.R. 357/1997, è altresì necessaria la registrazione dei dati necessari per ottemperare alla disposizione circa il monitoraggio delle uccisioni accidentali di cui all'art. 8 della stessa normativa. Essa stabilisce che, annualmente, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano trasmettano un rapporto al riguardo al Ministero dell'Ambiente (che è poi tenuto a rendicontare all'Unione Europea ogni 6 anni); per trasferimenti di competenze tale disposizione interessa anche le Amministrazioni regionali. Informazioni minime irrinunciabili nell'archiviazione dei dati di mortalità sono l'attribuzione tassonomica dell'esemplare, data e località di rinvenimento e, qualora nota, la causa di morte.
Di seguito vengono segnalati dei recapiti ai quali i cittadini possono consegnare gli esemplari o rivolgersi per ottenere informazioni in merito.

- Esemplari rinvenuti in Provincia di Torino > possono essere consegnati:
PROVINCIA DI TORINO - SERVIZIO TUTELA FAUNA E FLORA
Corso Inghilterra, 7/9 - Torino - cell. 3494163347 - tel. 011/861.6987
dal luned“ al giovedí dalle ore 9.00 alle 14.30, il venerdí dalle ore 9.00 alle 13.00
CLINICA VETERINARIA ANUBI
Str. Genova, 299/a - Moncalieri (TO) - tel. 011/6813033
Tutti i giorni compresi i festivi
OSPEDALE VETERINARIO DELLA FACOLTÁ DI MEDICINA VETERINARIA
via Leonardo da Vinci, 48 - Grugliasco (TO) - tel. 011/6709331

- Esemplari rinvenuti in Piemonte (qualsiasi provincia) > possono essere consegnati al Centro Regionale Chirotteri - Ente Parco Laghi di Avigliana, via M. Pirchiriano 54 (tel.: 011.9313000, e-mail info@centroregionalechirotteri.org).

- Esemplari rinvenuti altrove > contattare il G.I.R.C. (Gruppo Italiano Ricerca Chirotteri), che fornirà le indicazioni del caso: girc@uninsubria.it

Esemplari di Pipistrellus kuhlii, in riabilitazione, vengono nutriti con larve di Tenebrio molitor.




Testi e iconografia, salvo ove diversamente specificato a cura di: E. Patriarca e P. Debernardi.
Centro Regionale Chirotteri - Tutti i diritti riservati.
Created by MAST.IT